martedì 25 dicembre 2007

Goodbye Oscar !

C'è poco da dire quando si vuole ricordare una leggenda della musica come Oscar Peterson , lasciamo la sua musica parlare da sola.. bye Oscar.

domenica 23 dicembre 2007

Auguri !

Tanti auguri da Doctorbebop, in compagnia di questa canzone, ancora la più venduta di sempre (al secondo posto "Volare "!)
Auguri !

domenica 16 dicembre 2007

STEMI: nuove linee guida

L'American College of Cardiology e l'American Heart Association hanno aggiornato le linee guida del 2004 per la gestione della sindrome coronarica acuta a ST sopraelevato.
Tra l'altro, da sottolineare, l'aggiunta del Clopidogrel all'aspirina e la valutazione dei tempi per scegliere tra trombolisi e PTCA primaria.
Qui il link

ACC and AHA Update STEMI Guidelines

The American College of Cardiology and the American Heart Association have updated their 2004 guidelines for managing ST-segment-elevation myocardial infarction.

The update, released online in the Journal of the American College of Cardiology, offers charts listing how recommendations have changed.

The latest guidelines emphasize adding clopidogrel to aspirin and the need for speedy thrombolysis when patients cannot get timely percutaneous coronary intervention. STEMI patients arriving at a hospital without PCI capability should receive fibrinolytic therapy within 30 minutes unless they can be transferred to a PCI center and receive treatment within 90 minutes of their first medical contact

lunedì 10 dicembre 2007

Harold Antony Forsythe


Harold Antony Forsythe

Questo spazio ha sempre ricordato, come recita il sottotitolo, momenti di musica o di medicina. Oggi, giorno triste, ricorda un amico morto in modo tragico e inspiegabile, in un incidente sul lavoro.
Dato lo straordinario talento di Anthony nel disegnare, ci piace pensare, come ha detto mio figlio, di vedere, alzando gli occhi al cielo, qualche suo schizzo e la sua firma personale (ARTWO) sulle nuvole.
Ciao Anthony...e grazie

venerdì 7 dicembre 2007

Sovrappeso in età infantile e aumento del rischio di malattia coronarica

Il sovrappeso in età infantile sembra senza molti dubbi correlato ad un aumento del rischio di malattia coronarica in età adulta. Sono queste le conclusioni di uno studio Finlandese e di uno statunitense pubblicati sull'ultimo numero del NEJM. L'aumento del rischio, correlato con il BMI, varia tra il 5% e il 33%.
Le raccomandazioni degli autori sono ovviamente su un drastico cambio delle abitudini alimentari e dello stile di vita dei bambini (leggi più attività fisica)
Qui l'articolo Americano.

Excess weight during childhood increases the risk for coronary heart disease during adult years, portending serious public health consequences, according to two studies in the New England Journal of Medicine.

The first study, based on annual height-and-weight measurements in some 275,000 Danish schoolchildren, followed their health after age 25. Researchers found that higher BMI scores predicted higher risks for coronary diseases -- both fatal and nonfatal -- in adulthood. For example, a 13-year-old boy overweight by 11 kg (25 pounds) had a 33% higher risk for coronary disease in adulthood.

The second study, using a model based on U.S. health statistics, finds that with current rates of childhood obesity, the prevalence of coronary disease will increase between 5% and 16% by 2035.

A commentator recommends laws to regulate advertising of junk food, changes in farm subsidies, and funding for "decent lunches and regular physical activities at school."

lunedì 3 dicembre 2007

Sintomi post partum e ritorno al lavoro

Poco comune in Italia questo problema del rapido ritorno al lavoro dopo un parto ! Negli USA invece dove aspettative pagate e non, sono cose ignote è uscito in settimana questo articolo che esamina i sintomi più comuni nelle 11 settimane post partum. La conclusione degli autori è di riservare alle donne con sintomi più importanti un supporto sociale più attivo e minor stress sul lavoro.
Qui il link al lavoro.

Childbirth-Related Symptoms Common at 11 Weeks' Postpartum

Childbirth-related symptoms are common in the months after delivery, and physicians should offer women counseling to help manage their symptoms, researchers conclude in Annals of Family Medicine.

The study included 661 women who completed interviews at 11 weeks' postpartum. On average, the women reported four childbirth-related symptoms, most frequently fatigue (43%), headaches (42%), and back or neck pain (38%). Factors associated with good health outcomes included better physical and mental health before childbirth, more control over work and home activities, better social support at work and home, and less job stress.

The authors recommend that women's fatigue levels, along with their mental and physical symptoms, be evaluated postpartum. Those whose symptoms interfere with daily life "may find it helpful to have health care clinicians counsel them on strategies to decrease job stress, increase social support at work and home, and certify their use of intermittent family and medical leave."

mercoledì 28 novembre 2007

Beat Box

Una piccola divagazione dalla Medicina e dal Jazz, ma ad alto contenuto .. spettacolare.

giovedì 22 novembre 2007

Valutazione di una prima crisi convulsiva in un adulto. Raccomandazioni dall'American Academy of Neurology

L'American Academy of Neurology ha stilato un breve documento con delle raccomandazioni pratiche su come valutare una prima crisi convulsiva in un adulto.
Due gli elementi da sottolneare: EEG e TC cranio (o MNR) da eseguire routinariamente e invece da valutare caso per caso altri accertamenti quali esami ematici o rachicentesi.
Qui il link

New Guidelines for Evaluating First Unprovoked Seizure in Adults

The American Academy of Neurology has issued a practice parameter for evaluating adults who present with apparently unprovoked first seizures.

The guidelines, which appear in the current Neurology, were developed using data from 53 studies. Here are the highlights:

-- Routine electroencephalography should be considered in the neurodiagnostic workup of all patients for both its "substantial yield" and "value" in predicting recurrence.
-- Brain imaging with either computed tomography or MRI should also be considered routinely.
-- There is insufficient evidence to recommend for or against the routine use of blood glucose tests, blood counts, electrolyte panels, lumbar puncture, and toxicology screening; however, these tests may be useful in certain circumstances (e.g., lumbar puncture in febrile patients).

lunedì 19 novembre 2007

Screening cardiologico per atleti. Le deludenti linee guida dell'American Heart Association

L'American Heart Association ha edito delle linee guida per lo screening degli atleti prima di una competizione sportiva.
La lettura ne è raccomadata soprattutto per la netta presa di posizione critica nei confronti dell'esperienza europea (soprattutto Italiana) che seppur ricca di successi nel ridurre l'incidenza della morte improvvisa viene considerata non fattibile su larga scale. Il centro del discussione è l'esecuzione di massa come screening dell'ECG a 12 derivazioni, considerato non praticabile.
Alfine una posizione USA in ambito medico ampiamente criticabile !!

AHA Guidelines for Screening Student Athletes

The American Heart Association has updated its guidelines for screening student athletes, last issued in 1996. The AHA says its panel's recommendations remain "virtually unaltered."

The guidelines, issued earlier this year, include the following:

-- Routine use of 12-lead ECG is not recommended for mass screening, despite use of ECG in Europe, because the idea "is probably impractical and would require considerable resources [to perform and interpret them] that do not currently exist."
-- A complete and cardiovascular-targeted personal and family history and physical exam (including brachial artery blood pressure) should be performed.
-- High school athletes should undergo exams every 2 years; college athletes should be examined at matriculation and then every year thereafter.

(Last autumn, we reported that sudden death had decreased by almost 90% in Italy since implementation of a national screening program that included the routine use of ECG.)

giovedì 15 novembre 2007

Beta Carotene e decadimento cognitivo

L'uso a lungo termine di beta carotene sembra avere degli effetti benefici sul rallentamento del declino cognitivo correlato all'età.
Lo studio pubblicato su Archives of Internal Medicine ha preso in esame 4000 uomini per 18 anni arruolati all'età medi di 56 anni e che assumevano 50 mg di beta carotene a giorni alterni.
Dopo 18 anni lo studio della funzione cognitiva si è dimostratata migliore nel gruppo trattato rispetto al gruppo placebo.

Long-Term Beta Carotene Use May Slow Cognitive Decline in Men

Long-term use of beta carotene supplements may modestly slow the mental decline of aging, according to the Physicians' Health Study II.

The analysis -- in the Archives of Internal Medicine -- was based on about 4000 men randomized at a mean age of 56 to take 50 mg of beta carotene or placebo on alternate days. After 18 years, those taking beta carotene had slightly better cognition on a variety of tests. The effect was the equivalent of delaying cognitive aging by 1 to 1.5 years. A second group of men randomized to short-term beta carotene supplementation (average of 1 year) did not see any cognitive benefit.

The authors say small differences in cognition could "predict substantial differences in eventual risk of dementia; thus, the public health impact of long-term beta carotene use could be large."

However, an editorialist cautions that results of other trials have been mixed, and "for the clinician, there is no convincing justification to recommend" antioxidants for cognitive performance.

domenica 11 novembre 2007

Benny Golson e Johnny Griffin all'Auditorium


Benny Golson sax tenore
Johnny Griffin sax tenore
Kirk Lightsey pianoforte
Reggie Johnson contrabbasso
Douglas Sides batteria

Ieri sera evento musicale con la partecipazione al Festival Jazz romano di due leggende del jazz quali Benny Golson e Johnny Griffin. La sala Sinopoli era quasi tutta occupata, pochi i posti e solo laterali ancora disponibili, ma per chi, come il sottoscritto, l'acquisto del biglietto via web non era andato a buon fine è stato possibile in ogni caso assistere al concerto. I due vecchi leoni hanno subito mostrato un piglio rilassato ma al tempo stesso ricco di swing; l'inizio è stato con il Coltraniano "Mr. PC", preso ad un giusto tempo veloce su cui sia Golson che Griffin hanno fatto una prima lezione di jazz dal titolo "come suonare un blues". L'unico blues della serata, da incorniciare.
Il resto del concerto si è dipanato tra due brani di Griffin ("Gants are coming" e "Hot sacke"), una "Confirmation" tutta per Golson, "These foolish things" per il sax di Griffin, "Spring is here" per il granito e virtuoso pianismo di Lightsley
Il bis finale sulle note di "Take the A train".
Poco da dire sul concerto, a mio modo di vedere bellissimo, pensare che sul palco si alternavano due quasi ottantenni !
Alcuni riflessioni: peccato non aver ascoltato nessun originale di Golson nè alcun omaggio di Griffin a Monk (uno degli ultimi in vita ad averci suonato insieme); i biglietti per il concerto non erano esauriti, quelli per il concerto di Bollani di sabato già lo sono. Tutti i gusti sono gusti o solo ignoranza ?

mercoledì 7 novembre 2007

BPCO. Nuove linee guida.


Qui il link alle nuove linee guida sulla diagnosi e terapia della BPCO (malattia polmonare cronica ostruttiva). Disponibile anche il PDF.

uidelines for COPD Management

Guidelines for managing stable chronic obstructive pulmonary disease, released by the American College of Physicians, appear in the current issue of Annals of Internal Medicine.

Based on a literature review published in the same issue, the guidelines recommend:

-- using spirometry to diagnose -- but not to screen asymptomatic patients for -- airflow obstruction;

-- reserving treatment for symptomatic patients with FEV1 below 60% predicted;

-- treating patients with inhaled monotherapy comprising long-acting beta-agonists, anticholinergics, or corticosteroids (combination therapy may be considered);

-- using oxygen therapy in patients with resting hypoxemia;

-- limiting use of pulmonary rehab to symptomatic patients with FEV1 under 50% predicted.

The literature reviewers note that although monotherapy reduces exacerbations, it does not reduce mortality rates. For its part, oxygen therapy, used for at least 15 hours daily, reduces mortality in patients with resting hypoxemia and FEV1 under 30% predicted.

lunedì 5 novembre 2007

Infezioni da animali domestici


Questo articolo, di cui propongo il link, propone in modo esauriente una carrellata sulle infezioni correlate alla presenza di animali domestici. Riporta anche i consigli del CDC sulla gestione sicura di animali domestici in soggetti particolarmente delicati quali donne in gravidanza,anziani o immunocompromessi.

American Family Physician.

The article includes:

-- a helpful table outlining the various types of infections, with specific information about signs and symptoms, diagnostic tests, and primary treatment;
-- CDC recommendations on safe pet handling, including guidelines for high-risk individuals (pregnant women, young children, older adults, and immunocompromised patients);
-- a list of resources for more information on pet-related infe

martedì 30 ottobre 2007

Elementi chiave per la diagnosi di autismo. Nuove raccomadazioni dell'American Academy of Pediatrics


L'American Academy of Pediatrics ha recentemente pubblicate delle nuove raccomandazioni o (se volete) criteri diagnostici per la diagnosi precoce di autismo.
Le raccomandazione sono per uno screening a tappeto (anche nei bambini in cui non si sospetta la patologia). Gli elementi chiave per una immediata valutazione sono:
- mancanza di gestualità o capacità di indicare un oggetto a un anno di vita
- mutismo a 16 mesi
- nessuna frase di due parole a 2 anni di vita
- regressione del linguaggio o della socialità
Questo il link alla press release con i link alle linee guida.

American Academy of Pediatrics Urges Universal Autism Screening

All children should be formally screened for autism at 18 and 24 months, even if there's no reason to suspect the disorder, according to new guidelines from the American Academy of Pediatrics.

A clinical report, "Identification and Evaluation of Children With Autism Spectrum Disorders," was released by the academy online. It notes several red flags that call for immediate evaluation:

-- lack of babbling, pointing, or gesturing by 12 months
-- no words by 16 months
-- no spontaneous two-word phrases by 24 months
-- regression of language or social skills

Physicians are encouraged to look for signs of autism at every well-child visit and to ask parents open-ended questions about developmental concerns, such as a child not responding to his or her name. The report also provides an algorithm for screening children for autism. The AAP says early diagnosis will help "guide families to effective interventions, which will ultimately improve the lives of children with [autism spectrum disorders] and their families."

A second report, "Management of Children With Autism Spectrum Disorders," reviews therapies and educational strategies. Both reports will appear in the November issue of Pediatrics.

sabato 27 ottobre 2007

Dolore lombare parte terza: i farmaci

Vi riporto qui il terzo link alle linee giuda pubblicate alcuni giorni fa dagli Archives of Internal Medicine sulla diagnosi e terapia (farmacologica e non del dolore lombare).
Nei giorni scorsi avevo già segnalato le sezioni sulla diagnosi e la terapia non farmacologica. Il link di oggi e sulle evidenze riguardanti i farmaci.

martedì 23 ottobre 2007

Non somministrare farmaci da banco per raffreddore o tosse a bambini al sotto dei 6 anni

La notizia che propongo viene dagli Stati Uniti ma può essere di lezione anche in Italia e riguarda la raccomandazione da parte della FDA di non somministrare farmaci da banco contro la tosse o il raffreddore a bambini al di sotto dei sei anni. Il motivo è da un lato il dubbio sull'efficacia, dall'altro il rischio di tossicità.
Quindi usare i farmaci (qualunque) solo se necessari e di provata efficacia.

FDA Advisors Propose Broader Withdrawal of Childhood Cold Medicines

Over-the-counter cold medicines, even those formulated for children, should not be given to those under the age of 6 years, an FDA advisory panel recommends.

The panel voted 13 to 9 to ban the marketing of pediatric products, including such popular brands as Robitussin and Triaminic, for children age 5 or younger, according to a New York Times story. The agency does not always follow its advisory panels' recommendations; if it does, it must follow a process that can take at least a year, according to the Times report.

The vote came after a citizens' petition from Maryland health officials and others in March. The petition says that in the light of "growing evidence for lack of efficacy and risk of toxicity," it is "simply not credible for FDA's position to remain that these products are 'generally recognized as safe and effective' for children under six."

giovedì 18 ottobre 2007

John Hicks



Scomparso pochi mesi fa è stato un notevole pianista hard bop, molto stimato nell'ambiente musicale jazzistico. Qui ho ritagliato il suo solo su "Good bait".
Buon ascolto

lunedì 15 ottobre 2007

Terapie non farmacologiche per il dolore lombare



Continuo con l'aggiornamento proposto dagli Annals of Internal Medecine sul dolore lomabre, in questo caso vengono presi in esame vari trattamenti non farmacologici, dall'agopuntura allo yoga, sia per il dolore cronico che acuto.
Qui il link.

venerdì 12 ottobre 2007

giovedì 11 ottobre 2007

Alcuni segreti del virus dell'influenza del 1918 ("Spagnola")

Cito da Adnkronos Salute - Svelati alcuni dei segreti del temibile virus della 'spagnola', la pandemia influenzale che nel 1918 si rese responsabile di oltre 40 milioni di vittime nel mondo. Cosa avesse reso così letale quell'epidemia influenzale era finora rimasto avvolto nel mistero, nonostante ricercatori di ogni parte del globo si siano avventurati nello studio del virus. In quest'intento sembra che ora siano riusciti gli scienziati statunitensi del Dipartimento di malattie infettive dell'ospedale pediatrico di St. Jude, in Tennesse. "Il nodo centrale - rivelano i ricercatori su Cell Host and Microbe - è una proteina, chiamata PB1-F2". Un'informazione utile in vista di una nuova pandemia. Tutti gli esperti di malattie infettive sanno che è relativamente raro che un virus influenzale si dimostri talmente virulento da causare, da solo, il decesso di persone sane, cioè senza quadri clinici particolarmente compromessi. Ebbene, la maggior parte delle morti per influenza è frutto del 'concorso' dell'infezione virale primaria e di quella batterica seguente. "Benché il virus della Spagnola sia stato uno dei pochi capace di uccidere da solo persone sane - ricordano gli autori dello studio - in ogni caso il maggior numero di decessi fu attribuibile agli agenti patogeni secondari, che avevano trovato la strada 'aperta' dopo l'infezione virale". La 'chiave' d'accesso per i batteri sarebbe proprio la proteina PB1-F2, scoperta nei nuovi ceppi A (gli IAV) del virus. I geni che la codificano sono stati trovati non solo in questi virus, tra cui quello dell'influenza aviaria che ha infettato gli uomini, ma anche negli IAV associati alla pandemia di Spagnola del 1918. "La PB1-F2 - proseguono gli scienziati - aumenta la patogenicità del virus nei modelli di topo studiati in laboratorio. Suggerendo il suo ruolo chiave nella maggiore mortalità e morbidità dell'influenza".

mercoledì 10 ottobre 2007

Stanley Cowell - Sienna




1. I Think It's Time to Say Goodbye Again
2. Evidence
3. Sylvia's Place
4. I Concentrate on You
5. Sweet Song
6. Sienna
7. Dis Place
8. Celia

Quasi illimitata la scoperta di grandi musicisti dimenticati o forse sottovalutati; con buona pace degli amanti del pianoforte di Bollani e di tutti i musicisti sotto i riflettori dei media,consiglio di riascoltare questo pianista che la sorte ha voluto far nascere a Toledo nell'Ohio, già patria (udite udite) di Art tatum. Riascoltando questo disco del 94 si assaporano atmosfere varie dal blues al moderno bebop, fino a raffinati echi monkiani. Per finire uno splendido tributo a Bud Powell con Celia, ricco di swing e al contempo di pathos. Da alcoltare e riascoltare.


sabato 6 ottobre 2007

Pesce in gravidanza e allattamento



Il prestigioso "
National Healthy Mothers" e il "Healthy Babies Coalition" raccomandano l'assunzione di pesce regolarmente nella dieta di donne in gravidanza o allattamento. E questo documento modifica parzialmente quanto pubblicato nel 2004 in cui l'assunzione di pesce veniva consigliato soprattutto se limitato a quello a basso contenuto di tracce di metil Mercurio.
Qui il documento completo (molto interessante, completo e ricco di link)
New Seafood Recommendations for Pregnant Women

The National Healthy Mothers, Healthy Babies Coalition has recommended that pregnant, breast-feeding, and postpartum women consume at least 12 ounces of seafood weekly, especially oily ocean fish like salmon and sardines. Six of the twelve ounces may come from albacore tuna.

The coalition, which comprises groups such as the American Academy of Pediatrics and the CDC, says that "recent studies indicate the nutritional benefits of fish consumption during pregnancy greatly outweigh potential risks from trace methyl mercury consumption."

The recommendation contrasts with that previously issued by the FDA and the Environmental Protection Agency. In 2004, these groups advised that women who are pregnant, breast-feeding, or planning a pregnancy consume up to 12 ounces of lower-mercury seafood (e.g., shrimp, canned light tuna) weekly, with albacore limited to 6 ounces. They also recommend that such women avoid high-mercury fish (e.g., shark, swordfish).

The FDA plans to review this information but is not ready to change its current stance, reports the Washington Post.

mercoledì 3 ottobre 2007

Linee guida per la gestione del dolore lombare



Qui sono reperibili degli aggiornamenti delle linee guida dell'ACP sulla diagnosi e terapia del dolore lombare.
Interessante la flow chart iniziale sulla diagnosi.

New Guideline for Low Back Pain Management

The American College of Physicians and the American Pain Society have published an updated practice guideline for the management of low back pain in primary care.

The guideline, which appears in the current Annals of Internal Medicine, includes recommendations on both evaluation and treatment. Among the recommendations:

-- Imaging should not be part of the routine work-up of patients with nonspecific pain.
-- Clinicians should provide patients with information on the expected course of their condition.
-- When considering medication use, clinicians should usually start with acetaminophen or NSAIDs.
-- For patients who do not improve, nondrug therapies such as spinal manipulation, acupuncture, and yoga may be considered.

The ACP and APS also provide an algorithm for the initial evaluation and subsequent management of patients.

lunedì 1 ottobre 2007

Alcol e rischio di tumore della mammella

Questo documento della European Cancer Conference ha preso in esame i dati raccolti da 70,000 donneo visitate dal 1978 al 1985. Fino al 2004 è stato diagnosticato un tumore della mammella nel 4% della popolazione esaminata.
Nelle donne che assumevano alcol (più di due drink al giorno sia vino che birra o superalcolici) mostravano un aumento del rischio di tumore, fino al 30% in caso di assunzione di alcolici in quantità elevata.

All Alcoholic Beverages Increase Breast Cancer Risk

Breast cancer risk rises with increasing alcohol intake -- regardless of beverage type -- researchers reported Thursday at the European Cancer Conference.

Some 70,000 women provided information about their alcohol intake during health visits from 1978 through 1985. Through 2004, breast cancer was diagnosed in about 4% of them.

Compared with women who had reported consuming less than one alcoholic drink a day, those who consumed one to two drinks daily had a 10% increased risk for breast cancer, and those who drank three or more daily had a 30% increased risk. The trend remained significant in analyses stratified by intake of wine, beer, or liquor.

The researchers conclude: "These data show the relation of alcohol intake to increased [breast cancer] risk is independent of beverage choice, indicating that ethyl alcohol is the likely culprit."

venerdì 28 settembre 2007

Prima colazione e controllo dell'obesità giovanile



Fare una colazione regolare fin dall'infanzia costituirebbe il segreto per ridurre il peso corporeo durante l'adolescenza.

La ricerca, condotta con lo scopo di esaminare le eventuali associazioni tra abitudini in tema di colazione, BMI ed attività fisica, ha coinvolto 1210 ragazze di colore e 1161 bianche che hanno partecipato allo studio longitudinale NGHS (National Heart, Lung, and Blood Institute Growth and Health Study).
Dai dati ottenuti durante i 10 anni di follow up (dai 9 ai 19 anni di età) è emerso che tra le ragazze che presentavano un elevato BMI alla baseline, quelle che facevano abitualmente colazione mostravano, al termine dello studio, un minor valore del BMI rispetto alle coetanee che facevano colazione più raramente. Inoltre, anche l'attività fisica e l'apporto energetico sembrerebbero mediare l'associazione tra colazione e BMI nella tarda adolescenza.
Per prevenire il sovrappeso in bambini ed adolescenti potrebbe, quindi, essere utile adottare programmi di intervento che enfatizzino l'importanza dell'attività fisica e del consumo abituale della colazione.

Obesity (Silver Spring). 2007 Sep;15(9):2282-92

Da Nutrizione 33

giovedì 27 settembre 2007

Film alla Casa del Jazz

Da lunedì 1 Ottobre viene riproposto alla Casa del Jazz il ciclo di documentari dedicati a famosi personaggi del Jazz. Si inizia con Chet Baker la settimana successiva seguirà Thelonius Monk (Straight no chaser).

Lunedì 1 ottobre ore 19 (sala concerti)

“Jazz- o- rama”

Ciclo di film e documentari a cura di Francesco Mandica
Chet Baker “Let’s get lost”
di Bruce Weber
con la partecipazione di Nicola Stilo

lunedì 24 settembre 2007

Obesità, linee guida della Canadian Medical Association

Qui è possibile trovare delle aggiornate guidelines sull'approccio all'obesità.
E' disponibile un riassunto dell'intero documento gratuitamente.

2006 Canadian clinical practice guidelines on the management and prevention of obesity in adults and children

David C.W. Lau, James D. Douketis, Katherine M. Morrison, Irene M. Hramiak, Arya M. Sharma, Ehud Ur for members of the Obesity Canada Clinical Practice Guidelines Expert Panel

venerdì 21 settembre 2007

Barry Harris (again)

Alcuni giorni fa ho inserito un post sul workshop che Barry Harris terrà a Roma la prossima settimana con concerto finale Venerdì 28. Questo video per far capire, a chi non lo conoscesse, la statura del musicista.

mercoledì 19 settembre 2007

Miglior controllo del diabete di tipo 2 con l'attività aerobica regolare

Effects of Aerobic Training, Resistance Training, or Both on Glycemic Control in Type 2 Diabetes

A Randomized Trial

right arrow Ronald J. Sigal, MD, MPH et al.
Ann. Int. Med vol.146, 7 ,2007

Questo interessante lavoro affronta di nuovo il tema dello stile di vita (in questo caso una regolare attività aerobica) e il controllo del diabete di tipo 2. In questo studio in particolare è stato controllato l'andamento nel corso delle settimane di studio dell'emoglobina glicosilata. I risultati concludono per un miglior controllo dei valori glicemici nei gruppi che svolgevano attività fisica. Nessun apprezzabile risultato invece sulla pressione e sul valore dei lipidi.
Aerobic, Resistance Training Improve Glycemic Control in Type 2 Diabetes

Both aerobic and resistance training help lower hemoglobin A1c levels in patients with type 2 diabetes -- and a combination of the two is even more beneficial -- researchers report in Annals of Internal Medicine.

Some 250 inactive diabetes patients were randomized to one of four groups: aerobic training, resistance training, both, or no exercise. The active-treatment groups exercised 3 times weekly for 22 weeks.

Adjusted absolute HbA1c levels fell significantly with aerobic training (-0.51 percentage point vs. no exercise) and resistance training (-0.38); the combination-exercise group saw additional reductions (-0.46 vs. aerobic training, -0.59 vs. resistance training). Changes in blood pressure and lipids did not differ among the groups.

The authors cite research showing a 15% to 20% reduction in major cardiovascular events with a 1-percentage-point decrease in HbA1c. Editorialists note limitations of the current study but conclude: "Failing to prescribe exercise to patients with diabetes is simply unacceptable practice."


martedì 18 settembre 2007

Stetoscopio forse in pensione dopo 200 anni



(Adnkronos Salute) - L'intramontabile fonendoscopio, al collo dei 'camici bianchi' ormai da oltre 200 anni, rischia di andare in pensione. Al suo posto potremmo presto trovare nello studio del medico un lettore Mp3. E' questa una delle novità presentate al Congresso dell'European Respiratory Society (Ers) in corso a Stoccolma. Ad accelerare la fine dello stetoscopio, usato dai medici per 'ascoltare' cuore e polmoni testandone la salute, sono stati soprattutto gli ultimi studi che ne hanno messo in dubbio l'efficacia. O meglio la capacità dei camici bianchi di decifrare i suoni 'amplificati' dallo strumento. In particolare, una recente ricerca danese ha mostrato come gran parte dei medici avesse difficoltà nel distinguere suoni provenienti da cuore, bronchi e polmoni. Neanche l'arrivo dello stetoscopio elettronico, sosteneva lo studio, era servito a migliorare le cose. Altre due indagini, inoltre, avevano mostrato come gli studenti di medicina dovessero riascoltare i suoni provenienti da uno stetoscopio circa 500 volte prima di riconoscerne la provenienza. Da qui la decisione di un ricercatore canadese, Neil Skjodt del Dipartimento di Medicina dell'università dell'Alberta di Edmonton, di correre ai ripari. Con il supporto di un collega otorino, Bill Hodgetts, Skjodt ha sostituito il classico stetoscopio con un lettore Mp3, di quelli in vendita nei grandi magazzini. Appoggiando l'insolito strumento sulla cassa toracica di alcuni pazienti, il ricercatore ha registrato i suoni provenienti da bronchi e polmoni. "La qualità dei suoni è molto alta - spiega il ricercatore a Stoccolma - di gran lunga migliore di quella ottenuta dai migliori stetoscopi". E la conferma arriverebbe anche dagli studenti di medicina a cui Skjodt ha fatto ascoltare le registrazioni. "I risultati sono stati diversi, ma di certo non disastrosi come quelli emersi dagli studi realizzati sul tradizionale stetoscopio", assicura lo studioso. Se non altro, "la maggior parte degli studenti è stata in grado di capire da quale parte dell'organismo i suoni provenissero". Inoltre, "ci sono una serie di altri motivi che rendono - secondo Skjodt - il lettore Mp3 preferibile allo stetoscopio. Innanzitutto, questo strumento ci consente di registrare i suoni, nonché di trasmetterli a uno specialista se crediamo ce ne sia bisogno. Inoltre - aggiunge il ricercatore - possiamo condividerli con altri camici bianchi, qualora avessimo dei dubbi sullo stato di salute del nostro paziente".

domenica 16 settembre 2007

Dieta ipocalorica. Spuntino o non spuntino?



Cito da Nutrizione 33:

Spesso nei regimi ipocalorici si consiglia il frazionamento della dieta quotidiana in un maggior numero di piccoli pasti allo scopo di "rompere" il flusso energetico oscillante.

In pratica si consiglia l'assunzione di snack tra un pasto e l'altro. Il problema è più che altro quello di tenere sotto controllo la sensazione di fame. Ma quando si sottopone una persona sovrappeso ad un lungo regime restrittivo l'abitudine agli spuntini può vanificare i sacrifici e quindi contribuire in qualche modo all'arresto del dimagramento? Sembra di no. A conferma uno studio condotto su un totale di 140 pazienti (36 M, 104 F), di età compresa tra 18 e 60 anni, tutti con BMI superiore a 30 Kg/m(2) che sono stati suddivisi in 2 gruppi e sottoposti a regime dimagrante per un anno. Il primo gruppo assumeva solo i 3 pasti principali e il secondo assumeva 3 pasti più 3 snack. Non si sono verificate significative differenze tra i due gruppi per ciò che riguarda la perdita di peso. Dunque uno spuntino non sembra una cattiva abitudine alimentare neppure per le persone già in sovrappeso.

Bertéus Forslund H et al Eur J Clin Nutr. 2007

giovedì 13 settembre 2007

Joe Zawinul

A poco meno di un mese dalla scomparsa di Max Roach salutiamo un altro grande musicista, ho scelto questo video in cui duetta con Herbie Hancock, in ambiente puramente acustico.

martedì 11 settembre 2007

Canali radio Jazz on line



Quattro rapidi indirizzi di canali radio online quasi esclusivamente dedicati al jazz:
  1. Frequence Jazz
  2. Jazz FM
  3. Radio Jazz plus
  4. Radio Jazz international
  5. Jazz excursion
La mia personale preferenza forse alla numero 5.

domenica 9 settembre 2007

Diabete giovanile di tipo 2: un aggiornamento

Management of Type 2 Diabetes in Youth: An Update
Am Fam Physician 2007;76:658-64, 665-6

Questo articolo aggiorna alcune raccomandazioni diagnostico terapeutiche sulla gestione del diabete di tipo 2 giovanile, quello correlato all'obesità infantile. Il problema è emergente perchè può raggiungere in alcune statistiche il 45% delle nuove diagnosi di diabete giovanile. Negli ultimi 15 anni l'incremento di questa patologia è stato del 35%.
PUnto centrale di questo articolo sono ovviamente le raccomandazioni sullo stile di vita, dall'attività fisica al calo di peso.

Management of Type 2 Diabetes in Youth: Update from the National Diabetes Education Program

The current issue of American Family Physician includes an update from the National Diabetes Education Program on type 2 diabetes management in children.

Useful tables outline the following:

-- Key recommendations for practice
-- ADA guidelines for diabetes screening
-- Optimal glucose and hemoglobin A1c goals
-- Guidelines for managing weight and monitoring blood pressure and lipid levels
-- Additional resources for clinicians, including web sites and phone numbers of professional organizations

venerdì 7 settembre 2007

Diabete gestazionale e rischio di obesità infantile

Uno studio pubblicato su Diabetes Care esamina la dibattuta correlazione tra i livelli di glicemia durante la gravidanza e il rischio di obesità infantile.
Le conclusioni correlano gli aumentati livelli di glicemia all'obesità infantile soprattutto tra i 5 e 7 anni, ma allo stesso tempo evidenziano come un corretto trattamento del problema durante la gravidanza riconduca l'entità del rischio a quello di una popolazione normale di riferimento. Qui il link all'abstract dell'articolo.

Maternal Glucose Level Linked to Childhood Obesity Risk

As maternal blood glucose level during pregnancy increases, so does the child's risk for obesity at age
5 to 7 years, reports a study in Diabetes Care.
U.S. researchers examined the medical records of nearly 9500 mother-child pairs.
During pregnancy, the women were screened for gestational diabetes. In addition, obesity in the offspring was determined when the child was 5 to 7 years old.
Overall, the risk for childhood obesity increased significantly as maternal blood glucose level increased; the association was particularly striking for fasting blood glucose. However, after multivariate adjustment, the obesity risk was not increased among children whose mothers had met criteria for gestational diabetes and were likely treated.
The authors say their findings "suggest that [gestational diabetes mellitus] treatment may decrease the risk of childhood obesity and provide an additional reason for screening for GDM in pregnancy.

E lucevan le stelle

giovedì 6 settembre 2007

Classici al pianoforte

La Rapsodia Ungherese n°2 di Liszt in questo cartoon premio Oscar nel 1946; più di 70 anni ma non li dimostra.

mercoledì 5 settembre 2007

Linee guida sull'asma


Questo è il link alle nuove linee guida sull'asma pubblicate dal National Heart, Lung, and Blood Institute.
Almeno due elementi da citare tra gli altri:
1-particolare importanza viene data alla gestione del paziente di età compresa tra i 5 e 11 anni sembra rispodere in modo differente ai farmaci rispetto all'adulto;
2-Sottolineata l' attenzione da porre alla gestione di comorbidità come l'obesità e il reflusso gastroesofageo.

Updated guidelines on asthma diagnosis and management are available from the National Heart, Lung, and Blood Institute.

Highlights include:

-- After making the initial diagnosis and starting treatment, physicians should focus on patients' functional impairment and long-term risks.
-- Reducing the patient's exposure to indoor allergens can improve control, as can attention to other chronic problems such as gastroesophageal reflux and obesity.
-- A new age category, 5 to 11, has been added because of evidence suggesting these patients respond to drugs differently from adults.
-- For patients aged 12 or over with asthma that's inadequately controlled by low-dose inhaled corticosteroids, clinicians should consider equally either increasing the corticosteroid dose or adding long-acting beta agonists.

To more easily negotiate the 500-page document, readers should look for the boxes marked "Key Differences from 1997 and 2002 Expert Panel Reports."

Barry Harris Jazz Workshop


ROMA 24-28 SETTEMBRE 2007
BARRY HARRIS JAZZ WORKSHOP
www.barryharris.com

presso il Felt Jazz Club - Via degli Ausoni 84 - Roma

Considerato tra i migliori pianisti della sua generazione e tra gli ultimi veri interpreti del bebop, per più di mezzo secolo Barry Harris ha suonato con i giganti del jazz, tra cui Dizzy Gillespie, Miles Davis, Dexter Gordon e Coleman Hawkins.

E’ inoltre ritenuto uno dei più autorevoli insegnanti del jazz e viaggia in tutto il mondo dando concerti e tenendo parallelamente apprezzati seminari intensivi.

A conclusione del workshop, venerdi 28 Settembre alle ore 20.00, Barry Harris terrà un concerto presso la Chiesa Metodista di Via XX Settembre, 123.

Per informazioni:
E-Mail: annapantuso@hotmail.com
Tel: 339/3383139

martedì 4 settembre 2007

Goodbye Max !



Brevissimo e doveroso omaggio al grande Max Roach con qualche giorni di ritardo.
E' rimasto solo Hank Jones dei grandi vecchi del bebop.
Qui uno spettacolare solo.

Giochiamo con Sonny Rollins



Quanti temi enuncia Sonny Rollins prima di introdurre Four ?
Buon divertimento !

lunedì 3 settembre 2007

Consumo di farina integrale e rischio di diabete di tipo 2




Whole Grain, Bran, and Germ Intake and Risk
of Type 2 Diabetes: A Prospective Cohort Study
and Systematic Review

Si sottolinea spesso l'importanza nella prevenzione e nella gestione delle malattie metaboliche del corretto igiene di vita a cominciare da quello alimentare. La review pubblicata nell'ultimo numero di PLosMedicine, una delle più interessanti riviste online open, esamina sei studi prospettici in cui veniva studiata l'associazione tra consumo di farina integrale e rischio di diabete di tipo.
I risultati concordano per un effetto positivo che sfiora una riduzione del rischio fino al 20%.
Whole Grain Consumption Lowers Diabetes Risk
Qui il link alla rivista

Eating more whole grains could reduce diabetes risk, reports a study in PLoS Medicine.

As part of the Nurses' Health Study, researchers periodically recorded consumption of whole grains in some 160,000 women. After 12 to 18 years' follow-up, the multivariate-adjusted risk for type 2 diabetes was about 35% lower in women in the highest quintile of whole grain intake compared with those in the lowest quintile. Although further adjustment for BMI "substantially weakened the association," significant differences remained.

Researchers also conducted a meta-analysis of six prospective studies of men and women and concluded that a two-servings-per-day increment in whole grain consumption was linked to a 21% lower risk for diabetes.

The authors note that on average, adults eat one serving of whole grains per day, "suggesting that increased consumption has the potential to contribute substantially to reducing risk of type 2 diabetes."

giovedì 16 agosto 2007

Pausa estiva per Doctorbebop




Una breve pausa del Blog fino al 3 settembre. Buone vacanze a tutti !

domenica 12 agosto 2007

Prevenzione dello stroke e terapia anticoagulante

The Lancet Table of Contents Volume 370 Issue 9586

Warfarin versus aspirin for stroke prevention in an elderly community population with atrial fibrillation (the Birmingham Atrial Fibrillation Treatment of the Aged Study, BAFTA): a randomised controlled trial
Jonathan Mant, FD Richard Hobbs, Kate Fletcher, Andrea Roalfe, David Fitzmaurice, Gregory YH Lip, Ellen Murray, on behalf of the BAFTA investigators, the Midland Research Practices Network (MidReC)


Nella saga infinita sulla maggiore o minore efficacia della terapia anticoagulante nella prevenzione dell'ictus in pazienti con fibrillazione atriale si aggiunge un nuovo capitolo, o meglio un nuovo studio dalla prestigiosa ribalta del Lancet. Il risultato è ancora una volta a favore della terapia anticoagulante rispetto all'aspirina, mostrando tra l'altro un eguale numero di complicanze emorragiche tra i due gruppi, risultato a detta degli autori sorprendente.


Warfarin is more effective than aspirin in preventing stroke, intracranial hemorrhage, and arterial embolism among elderly patients with atrial fibrillation, the Lancet reports.

Researchers randomized 973 patients over 75 years of age with atrial fibrillation either to warfarin (target INR, 2 to 3) or to 75 mg of aspirin daily. After an average follow-up of 2.7 years, the warfarin group had an annual relative risk of 0.48 for stroke, intracranial hemorrhage, or embolism. The number needed to treat for 1 year to prevent a primary event was 50. There was no difference between the groups in the risk for major hemorrhage -- a result the authors called "surprising."

Editorialists, citing the study's "unprecedented number of patients in an age group that has been largely under-represented in randomised trials," say it "firmly establishes the superior efficacy of warfarin as a stroke-prevention strategy in elderly patients with atrial fibrillation."

martedì 7 agosto 2007

Kenny Drew



Mi fa piacere ricordare in un caldo pomeriggio di Agosto un grande pianista. tra i tanti dimenticati, alle prese con uno spumeggiante St.Thomas.
Qui il link

domenica 5 agosto 2007

Otite media acuta nei bambini: scarsa aderenza da parte dei medici alle indicazioni della letteratura

Numerosi studi e soprattutto le Linee Guida dell'American College of Pediatrics suggeriscono nelle infezioni dell'orecchio nei bambini di 2 anni o più grandi un atteggiamento "wait and see" volto a contenere l'uso eccessivo e inutile di antibiotici.
Un recente studio pubblicato su Pediatrics evidenzia come questo approccio sia disatteso da gran parte dei Pediatri Americani (e credo anche Italiani) che lo utilizzano in meno del 20% dei casi.
Le cause addotte sono le difficoltà nel rapporto con i genitori e nel poter controllare giornalmente i bambini.


Physicians Not Following Guidelines for Treating Ear Infections

Physicians are not adhering to the guidelines for treating acute otitis media outlined by the American Academy of Pediatrics and American Academy of Family Physicians in 2004, according to a study in Pediatrics.

The guidelines endorse an observation option, rather than antibiotics, for some children with ear infections, particularly those who are aged 2 or older who do not have severe symptoms.

Over 200 physicians responded to surveys in 2004 and again in 2006. In both years, about 80% of the physicians considered the observation option reasonable for some children. However, they reported using the observation option in a median of 15% of the cases they had diagnosed in the past 3 months.

Nearly two-thirds of the physicians said parental reluctance was the top barrier to using the observation option. One-third of the physicians said the cost and difficulty in following-up with children were important barriers. (New York State's Department of Health offers a "viral prescription" to make it easier to explain to parents that viral infections don't respond to antibiotics.)

lunedì 30 luglio 2007

Identificati gli alleli a rischio per la trasmissione della sclerosi multipla

Risk Alleles for Multiple Sclerosis Identified by a Genomewide Study
The International Multiple Sclerosis Genetics Consortium

Il NEJM ha pubblicato on line (in anticipo sull'edizione cartacea) un articolo che definisce gli alleli a rischio per la trasmissione della sclerosi multipla. Con precisione sono stati identificati gli alleli IL2RA e IL7RA.
Qui il lavoro comleto a chi interessasse

giovedì 26 luglio 2007

Gonzalo Rubalcaba & Chick Corea


Questo duo, ridondante di classe jazzistica e pianistica, è stato una bella sorpresa trovata girovagando su youtube. La giro agli interessati, spero molti !
(il link sul titolo)

Gonzalo Rubalcaba & Chick Corea


Questo duo, ridondante di classe jazzistica e pianistica, è stato una bella sorpresa trovata girovagando su youtube. La giro agli interessati, spero molti !
(il link sul titolo)

domenica 22 luglio 2007

Birdlives: un bellissimo sito di jazz



Questo videoblog è uno dei più bei siti di jazz che abbia mai incontrato.
Ve lo segnalo se già non lo conosceste.
Qui il link

venerdì 20 luglio 2007

Assunzione di Selenio e rischio di diabete di tipo 2

Secondo uno studio recente l'assunzione prolungata di supplementi di selenio potrebbe aumentare il rischio d'insorgenza di diabete di tipo 2.
Il dato è emerso da uno studio che riguardava il cancro e che ha coinvolto oltre 1200 persone che al momento dell'arruolamento erano in buona salute. I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi randomizzati uno dei quali assumeva selenio quotidianamente (200mcg) e l'altro un placebo. Al termine dell'osservazione 58 soggetti del gruppo che assumeva il selenio avevano contratto il diabete, contro soli 38 del gruppo che assumeva placebo. Sebbene questo dato non sia sufficiente per provare il coinvolgimento del selenio nella causalità multifattoriale del diabete di tipo 2, l'evidenza non è da sottovalutare.
Questo l'articolo:
Effects of Long-Term Selenium Supplementation on the Incidence of Type 2 Diabetes
A Randomized Trial
Saverio Stranges, MD, et al.
Ann.Int.Med. 21 August 2007 | Volume 147 Issue 4
(il link all'articolo, gratuito, sul titolo del post)

Selenium Supplements May Increase Diabetes Risk

Selenium supplementation may raise the risk for type 2 diabetes, reports a study published early online in the Annals of Internal Medicine.

In an analysis from the Nutritional Cancer Prevention study, researchers sought to determine whether selenium supplementation would lower the risk for type 2 diabetes. Some 1200 adults were randomized to receive 200 micrograms of the supplement or placebo daily. Nearly all participants were white.

During a mean follow-up of about 8 years, diabetes developed in more people taking selenium than in those on placebo. The difference was largely confined to participants in the highest tertile of baseline plasma selenium; in that subgroup, selenium recipients had 2.4 times the diabetes risk as placebo recipients.

Editorialists conclude that "people with diets that provide the Recommended Dietary Allowance for selenium (55 micrograms/day) should avoid selenium supplements, except in the context of experimental studies."

domenica 15 luglio 2007

Al Jarreau e George Benson a Umbria Jazz 2007

Questo è un concerto in cui i "puristi" del jazz storcono il naso, musica ineccepibile da un punto di vista formale ma pur sempre R&B o pop o a tratti disco. Di jazz vero, poco, eppure a ben vedere tutto il set di Jarreau è stato un costante improvvisare e modificare il tema della song di turno. A volte grazie alle suo acrobazie vocali a volte con precise scelte melodiche e armoniche. Esaltante poi l'inizio con entrambi e divi a duettare, con Benson che ricamava sotto Jarreau un contrappunto ritmicamente ineccepibile e melodicamente semplice. Forse è stato proprio qui la vera unica delusione del concerto, quella di aspettare sul palco entrambi i musicisti a suonare insieme per le due ore della performance. Invece a parte lo spazio iniziale e due brani finali sia Benson che Jarreau si sono ritagliati due distinti spazi, per prime le acrobazie vocali del vocalist (certo 67 anni cominciano a sentirsi) e dopo la verve ritmica di Benson attraverso i suoi cavalli di battaglia pop e disco.
Un concerto ricco di musica di varia estrazione ma un dubbio al fondo: ma servivano proprio due tastiere, un pianoforte, un sax, una chitarra, un basso e una batteria per accompagnarli ? Non sarebbe bastato un organico più contenuto e un volume di suono più basso per far apprezzare meglio la voce di Jarreau e la chitarra di Benson ?
Probabilmente no, e comunque per chi vuole vedere questo concerto nei restanti concerti Italiani, mettete da parte per una sera la ricerca del jazz puro e aspettattevi una atmosfera diversa ma pur sempre divertente.

venerdì 13 luglio 2007

Allattamento al seno e comparsa di fattori di rischio cardiovascolare in età adulta

Uno studio britannico ha indagato la possibile relazione tra l'allattamento al seno protratto per più di un mese e il presentarsi in età adulta dei principali fattori di rischio cardiorespiratorio. Per farlo è stata presa in considerazione la coorte dei nati nell'arco di una settimana nel 1958, un totale di 9377 persone. Lo stato dell'allattamento è stato accertato al compimento del settimo anno di età attraverso un questionario sottoposto ai genitori; al raggiungimento dei 44-45 anni sono invece stati misurati i diversi parametri di rischio cardiorespiratorio: dall'obesità addominale al BMI, dal volume espiratorio forzato alla pressione arteriosa, dal profilo lipemico all'emoglobina A1c, a indicatori molto più fini come il dosaggio del D-dimero e dell'antigene dell'attivatore tissutale del plasminogeno. Aggiustando l'analisi per i principali confondenti (peso alla nascita, peso della madre in gravidanza eccetera) si è concluso che l'allattamento materno per una durata superiore a un mese agisce positivamente sulla circonferenza addominale, un minore rapporto vita/fianchi, sul rischio di obesità e sul fattore di von Willebrand . Non cè invece alcun rapporto con gli altri fattori di rischio esaminati. Secondo gli autori il beneficio conseguito dal latte materno è relativamente piccolo, ma sufficiente ad avviare ulteriori ricerche

Rudnicka AR et al. Pediatrics. 2007 May;119(5):e1107-15

domenica 8 luglio 2007

Una piccola pausa

Una piccola pausa estiva per il blog, ritornerò tra una settimana circa , probabilmente con le mie impressioni sul concerto di Al Jarreau e George Benson a Umbria Jazz e altro ancora.
A presto

sabato 7 luglio 2007

Cedar Walton a Umbria Jazz


Ieri pomeriggio è iniziata Umbria Jazz edizione 2007, con un programma ricchissimo di proposte per tutti i gusti. Ho selezionato per vari motivi, soprattutto il tempo, la prima giornata e tre proposte. Qui volevo sommariamente raccontare del concerto del trio di Cedar Walton, forse a dispetto dell'evento serale (AL Jarreau e George Benson) il vero evento jazzistico clou della giornata. Walton è senza dubbio con Kenny Barron il maggior pianista della sua generazione, ed è riuscito a riassumere nel suo stile sia le influenze hard bop che la grande tradizione pianistica swing, il tutto unito ad un grande senso melodico e ad un personalissimo tocco che sa essere percussivo o delicato o funky a seconda della cifra stilista necessaria. Inoltre da ottimo compositore qual è affronta ogni pezzo , anche il più conosciuto, con il piglio del vero jazzista, valga per tutti uno strabiliante "Body and Soul" suonato a tempo veloce e a ritmo latino, nessuna concessione alla banalità e battuta dopo battuta un fraseggio sempre sorprendente. Qui la vera caratteristica di Walton e della sua consolidata maturità di artista, nessun brano dell'ora e mezza del concerto è meno che stimolante e se mai si affaccia la possibilità della frase nota o scontata ecco pronto un fraseggio o una scelta ritmica spiazzante. Solo un rimpianto, quello di un solo bis !

mercoledì 4 luglio 2007

Bicentenario



A costo di eccedere in patriottismo non mi dispiace ricordare il bicentenario della nascita di un Italiano ... diverso da chi ci troviamo a votare di questi tempi.

lunedì 2 luglio 2007

Gordon Beck Quartet: Experiments with pops



Prendere un tema qualsiasi e reinterpretarlo sia melodicamente che armonicamente è mestiere da jazzista; esistono temi che hanno fatto la storia del jazz tanto da diventare "standards" e altri meno praticati. I temi pop hanno sempre incuriosito i jazzisti ma forse non ne hanno mai veramente rapito l'interesse, secondo me a torto. Tra gli esempi più belli di interpretazione di tempi pop da parte di un gruppo jazz c'è questo bellissimo disco del 1968 che vede Gordon Beck e un giovane John McLaughlin ripercorrere numerosi hit pop e rock della fine degli anni 60.
Se dovessimo portare un esempio di jazz europeo credo che questo disco, tutto inglese, possa rientrare nella ristretta cerchia dei dischi migliori, Beck ha una padronanza del fraseggio e dello strumento da vero maestro e McLaughlin lo segue con disinvoltura, non vi è mai per tutto il disco il cedimento ad una atmosfera già nota e alla noia, ogni brano fila via liscio con un mood sempre diverso. Come nei dischi migliori.

(PS Un grazie a Carlo Mezzanotte per questo CD !)

mercoledì 27 giugno 2007

I primi sei mesi di Doctorbebop



Questo spumeggiante Oscar Peterson d'annata ve lo propongo per festeggiare i primi sei mesi di Doctorbebop. Esperienza per me nuova e ricca di sorprese; mi sono attestato su circa 30 visite al giorno e un "inspiegabile" rank sia italiano che mondiale.
Ringrazio tutti i blogger che mi hanno inserito nei loro blogroll e soprattutto "Bioblog" con cui dividiamo l'area medica nella blogosfera italiana.
Un saluto particolare agli affezionati visitatori soprattutto uno sconosciuto, (forse un collega medico ?) che spesso si collega dagli Ospedali riuniti di Bergamo, a volte anche la notte, immagino durante un turno di lavoro. Solo una richiesta: colleghi medici, siate meno timidi nell'inserire qualche commento o suggerimento !
Buona estate !

martedì 26 giugno 2007

Rischio cardiovascolare e alterato metabolismo del glucosio

Un interessante lavoro pubblicato su Circulation evidenzia come non solo il diabete conclamato ma anche una ridotta tolleranza al glucosio o una glicemia a digiuno alterata sia collegati ad un aumentato rischio cardiovascolare. Lo studio ha coinvolto 10.000 pazienti sia diabetici che non e nel follow up (durato 5 anni) si è evidenziata una aumentata mortalità nei gruppi sia con diabete che con una condizione di "prediabete". Ancora una volta un messaggio che sembra stimolare ad una maggiore aggressività nel controllo di questi parametri metabolici.

Risk of Cardiovascular and All-Cause Mortality in Individuals With Diabetes Mellitus, Impaired Fasting Glucose, and Impaired Glucose Tolerance. The Australian Diabetes, Obesity, and Lifestyle Study (AusDiab)
Elizabeth L.M. Barr MPH*, et al.
Circulation 2007, doi:10.1161/CIRCULATIONAHA.106.685628

Risks for all-cause and cardiovascular-related deaths increase not only with diabetes, but also with milder elevations in glucose, a study released early by Circulation reports.

Researchers evaluated the mortality risks associated with diabetes and prediabetic states in an Australian cohort. Among some 10,000 adults examined at baseline and followed for a median of about 5 years, all-cause mortality was higher among those with known diabetes, impaired fasting glucose, or impaired glucose tolerance than among those with normal glucose tolerance. (The mortality risk was doubled in diabetics -- and 50% to 60% higher in those with "prediabetes" -- compared with those with normal glucose tolerance.)

Cardiovascular mortality was increased among those with diabetes or impaired fasting glucose, but not among those with impaired glucose tolerance.

According to the authors, these findings suggest that preventive strategies should also target "people with milder forms of abnormal glucose metabolism."

domenica 24 giugno 2007

Jazz piano: le lezioni di Claudio Angeleri



Claudio Angeleri, oltre ad essere un ottimo pianista, è anche un divulgatore di notevole caratura. In questa parte del suo sito vi sono i link ad alcune lezioni sia storiche che tecniche, un approfondimento utilissimo per chi volesse entrare nel mondo del pianoforte jazz. Vi sono sia spartiti che esempi musicali in MP3.
Personalmente trovo completo e ricco di documentazione la lezione sui "Pianisti di Davis".

venerdì 22 giugno 2007

Billy Wilder !!



Il post di oggi in stile almanacco per ricordare l'anniversario (101 anni fa) della nascita del grande Billy Wilder.
Lascio i commenti sul suo cinema ai siti specializzati, mi limito a riportare una sua celebre fulminante frase:

"Certi uomini chiudono un occhio soltanto per poter mirare meglio".

giovedì 21 giugno 2007

Farmaci antipsicotici e sovrappeso

Gli psichiatri e i rischi del sovrappeso (da Cardiometabolica)

Gli antipsicotici di seconda generazione sono farmaci sicuri sempre? Si direbbe di no, visto che i pazienti trattati aumentano troppo di peso.

Se da un lato il perfezionamento dei farmaci antipsicotici ha permesso di ridurre notevolmente gli effetti collaterali indesiderati, come i sintomi extrapiramidali, dall'altro si è verificato nei pazienti trattati con antipsicotici di seconda generazione un notevole aumento della mortalità per patologie cardiovascolari. Un'evenienza fatale che è strettamente legata all'incremento del peso corporeo. Questi dati allarmanti sono stati di recente presentati al 15° Congresso europeo di Psichiatria che si è tenuto a Madrid come risultati preliminari di un'ampia indagine. Gli psichiatri comunque pensano che l'aumento della mortalità sia meno rilevante del fatto che i pazienti trattati spesso sono poco aderenti al trattamento. Per quanto riguarda il controllo del peso corporeo dei loro pazienti, la maggioranza degli psichiatri fornisce loro consigli sulla dieta e sullo stile di vita, e circa il 50% controlla personalmente il peso dei pazienti, ma ben due terzi considerano inefficaci i programmi di intervento per contrastare la tendenza all'aumento del peso corporeo.
E meno del 30% degli psichiatri consiglia il consulto del dietologo ai propri pazienti.

martedì 19 giugno 2007

Diabete e rischio di stroke

Questo interessante lavoro pubblicato sull'ultimo numero di "Stroke" (link nel titolo) evidenzia la probabile necessità di un atteggiamento estremamente aggressivo nel trattamento di un diabete neodiagnosticato. Infatti circa il 9% della popolazione studiata è andata incontro ad un evento cerebrovascolare acuto dopo 5 anni dalla diagnosi. Questo sembrerebbe modificare la nozione di complicanze macrovascolari come legate a tempi lunghi nei soggetti diabetici.

Stroke Risk Doubles Within 5 Years After Diabetes Diagnosis

The risk for stroke is twice as high in patients with newly diagnosed diabetes as in the general population, according to a study in Stroke.

Using health databases of a Canadian province, researchers identified some 12,200 adults aged 30 and older with recent diagnoses of type 2 diabetes. During a mean follow-up of about 5 years, 9.1% of the patients had hospital admissions with a stroke-related diagnosis. The rate ratio for stroke was 2.1 for diabetes patients, compared with the general population.

The authors write that their results "will help to dispel the notion that macrovascular consequences of diabetes occur only in the long term" and may motivate "both patients and providers to aggressively control cardiovascular risk factors soon after diagnosis."

lunedì 18 giugno 2007

Grand tour jazz fest

Per chi abita nel centro Italia, ma non solo, questa è una rassegna molto interessante: il programma è raffinato, gli ospiti musicisti di ottima levatura, pochi divi ma molta qualità. Un ottimo preludio, apparentemente, ad Umbria Jazz. In più ottime possibilità di ampliare l'esperienza ad altri sensi, per esempio il gusto e l'olfatto con le proposte enogastronomiche associate all'evento.
Personalmente la curiosità di risentire dopo tanto tempo Bobby Watson ci sarebbe..
(sul titolo il link al sito con il programma completo)

domenica 17 giugno 2007

Troppe calorie nella pubblicità in TV

Secondo i risultati dell'indagine "In bocca al lupo", presentati da Coop, gli spot che pubblicizzano alimenti ricchi di zuccheri, grassi e sali rappresentano il 36% della pubblicità.
 
Lo studio ha considerato 6 reti in Italia, le 3 reti Rai e le 3 Mediaset, nella fascia oraria 16.00-19.00, che è proprio la fascia protetta e dedicata ai programmi per i bambini. Anche altri Paesi sono stati coinvolti nell'indagine; complessivamente 24 reti televisive in 11 Paesi Europei. "E' la prima volta che si fa in Italia uno studio comparato di questa portata per capire il rapporto tra spot alimentari e percezione da parte dei bambini" - ha spiegato Marina d'Amato, ordinario di sociologia all'Università di Roma Tre, che ha condotto la ricerca in collaborazione con l'Osservatorio di Pavia. Purtroppo, la situazione italiana appare peggiore della media europea. La Svezia, per esempio, trasmette solo un quindicesimo degli spot trasmessi in Polonia e circa un decimo di quelli trasmessi in Italia. Spagna, Gran Bretagna, Polonia e Portogallo, invece, programmano di utilizzare la pubblicità a scopo educativo. Corrado Calabrò, Presidente Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ha contestato i dati presentati, precisando che l'Authority europea non ha mai registrato una situazione così allarmante e che regolamentare le abitudini alimentari, seppure non adeguate, con divieti e proibizioni non è lo stesso che imporre il divieto di fumare. Tuttavia, Calabrò porterà i dati all'esame dell'EFSA con l'impegno di maggiore attenzione. "La situazione - ha aggiunto Luigi Vimercati, Sottosegretario di Stato del Ministero delle Comunicazioni - è comunque grave". Infine, secondo Aldo Soldi, presidente Coop: "Non è facile capire se il bombardamento pubblicitario è il solo colpevole dell'aumento dell'obesità infantile, in ogni caso sono necessarie ulteriori revisioni delle normative".
(da Helpconsumatori)

giovedì 14 giugno 2007

Alois Alzheimer



Una nota di storia della Medicina: oggi ricorrono vari compleanni e nascite di personaggi famosi, tra tutti, il più citato, quello di Ernesto Che Guevara. Ma qui voglio ricordare un Medico che diede il suo nome ad una malattia che al giorno d'oggi raccoglie interessi svariati per il suo impatto epidemiologico: Alois Alzheimer.

(Da Wikipedia)

Aloysius "Alois" Alzheimer (Marktbreit, Baviera, 14 giugno 1864 - Breslavia, Germania (dal 1945 Wrocław, Polonia), 19 dicembre 1915) è stato uno psichiatra e neuropatologo tedesco. Collega di Emil Kraepelin, Alzheimer fu il primo a descrivere un caso di "demenza senile", malattia successivamente definita da Kraepelin morbo di Alzheimer.

Durante la carriera scolastica dimostrò particolare propensione per le materie scientifiche. Successivamente studiò Medicina presso l'Università di Aschaffenburg, poi anche a Berlino, Tubingen e Würzburg. Si laureò nel 1887, a soli 23 anni.

Venne nominato assistente clinico presso l'Asilo di Stato Irrenanstalt di Francoforte, dove iniziò ad approfondire le ricerche sulla corteccia del cervello umano. Agli inizi del secolo il nome di Alois Alzheimer assunse notorietà per le sue pubblicazioni sull'arteriosclerosi cerebrale.

I suoi primi anni di attività come professore di psicologia in Germania lo portarono a lavorare insieme al neurologo Franz Nissl, insieme al quale pubblicò Histologic and Histopathologic Studies of the Cerebral Cortex (Studi Istologici e Istopatologici della Corteccia Cerebrale). In seguito Alzheimer divenne assistente ricercatore di Emil Kraepelin presso la Scuola di Medicina di Monaco, dove organizzò e diresse un nuovo laboratorio per la ricerca sul cervello.

Nel tempo Alzheimer pubblicò numerosi articoli riguardanti le condizioni e le patologie del cervello, ma è del 1906 la pubblicazione che lo avrebbe reso famoso: in una donna di circa 50 anni, Alzheimer identificò una «malattia insolita della corteccia cerebrale», che aveva causato perdita di memoria, disorientamento e allucinazioni, conducendo infine la paziente alla morte. Nel 1907, durante la Convenzione psichiatrica di Tubingen, Alzheimer presentò il caso di questa donna, sottolineando come, successivamente all'autopsia, il cervello mostrasse «una scarsità di cellule nella corteccia cerebrale e gruppi di filamenti localizzati tra le cellule nervose».

Nel 1910 Emil Kraepelin (il più famoso psichiatra di lingua tedesca dell'epoca) ripubblicò il suo trattato Psichiatria nel quale definì una nuova forma di demenza scoperta da Alois Alzheimer, chiamandola appunto morbo di Alzheimer. Nel 1912, l'imperatore Guglielmo II chiamò Alzheimer all'Università di Breslavia (oggi in Polonia, ma allora capitale della Slesia e una delle più importanti città tedesche), nominandolo professore di psichiatria e direttore dell'Istituto Neurologico e Psichiatrico.

Nel dicembre del 1915, Alzheimer si ammalò durante un viaggio in treno verso Breslavia. Probabilmente fu colpito da un'infezione da streptococco, con conseguente febbre reumatica e insufficienza renale. Morì a causa di un'insufficienza cardiaca all'età di 51 anni.

martedì 12 giugno 2007

Contro questa oscenità




Vi invito a leggere e a firmare qui:
http://www.epolis.sm/html/fermiamo_gli_orchi.html

E fatelo girare, questa non è una catena di Sant'Antonio.

Ringrazio MySweetGloom per aver segnalato questa iniziativa.

lunedì 11 giugno 2007

Trauma cranico minore: valutazione e gestione. Tool kit del CDC

Questa interessante iniziativa del CDC (Center of Disease Control) mette a disposizione di varie figure professionali un ottimo riassunto molto pratico, e due schede per anamnesi e follow up, dedicati alla valutazione di pazienti con trauma cranico minore, un problema di grande impatto epidemiologico e spesso non facile da gestire soprattutto in ambito pediatrico.
Il link è sul titolo.

CDC Updates Concussion-Management Tool Kit

The CDC has revised its multimedia tool kit that helps physicians recognize, manage, and make appropriate referrals for concussions earlier.

The CDC's announcement highlights one component of the new kit, the Acute Concussion Evaluation (ACE) form, designed to aid in the initial evaluation and diagnosis of patients with a known or suspected concussion. In addition, the ACE Care Plan offers guidance for helping patients to recover and avoid reinjury.

Other components include a "Facts for Physicians" booklet; fact sheets on concussion prevention, available in both English and Spanish; a palm card for on-field management of sports-related concussion; and a CD-ROM with additional resources.

venerdì 8 giugno 2007

Una serata musicale difficile da dimenticare.



Questo grande del jazz è il primo grande pianista jazz che ho ascoltato dal vivo credo circa nel 1982 al teatro dell'Opera di Roma in una serata che ricordo ancora come memorabile: un primo set con George Shearing ad accompagnare Mel Tormè, poi il set successivo sempre Shearing in trio con ospite Stephane Grappelli e infine per finire (!!) il trio di Tommy Flanagan. Fine memorabile.
In questo video Shearing accompagna Peggy Lee che canta la sua composizione più famosa "Lullaby of Birdland".
Per ricreare l'atmosfera di quella sera vi allego anche Mel Tormè in un omaggio a Count Basie, Stephane Grappelli e Tommy Flanagan.
Un amarcord jazzistico non male.
Tra l'altro ora che ci penso anche il mio primo concerto di musica classica fu straordinario anche se non ero in grado di capirlo..ero a Vienna, Musikverain, Wiener Philarmoniker, sul podio Karl Richter a dirigere il Messiah di Handel. Non male eh?

giovedì 7 giugno 2007

Obesità in Europa: situazione allarmante



Gli obesi in Europa sono oggi 21 milioni e in alcuni dei Paesi Membri più della metà della popolazione adulta è sovrappeso. Si calcola che ogni anno 400.000 bambini si vengano ad aggiungere ai 3 milioni già obesi. In Europa 1 bambino su 4 è sovrappeso.

Sono queste le nuove cifre diffuse dalla Commissione europea che a Bruxelles ha presentato il 30 maggio 2007 il libro bianco contenente la strategia d'intervento per un'azione articolata e capillare sull'alimentazione e l'attività fisica. Il commissario UE alla salute Markos Kyprianou, esponendo i nuovi dati epidemiologici così allarmanti, ha sottolineato l'importanza della "strategia integrata"; un intervento programmato multidisciplinare che deve coinvolgere nella lotta all'obesità i rappresentanti di tutti i settori: alimentare, pubblicitario, sanità pubblica, istruzione, mercato interno, politiche agricole e di ricerca, e naturalmente anche le organizzazioni di consumatori. Di fatto, l'obesità e il sovrappeso nell'EU sono passati ad interessare dal 10 al 40% della popolazione rispetto all'ultima decade. Spagna, Portogallo e Italia segnalano che oltre il 30 % dei bambini nella fascia di età compresa tra i 7 - 11 anni sono obesi. Una sana alimentazione e l'attività fisica sono gli strumenti più importanti, tuttavia il Commissario ha molto insistito anche sull'efficacia preventiva di poter dare ai cittadini delle informazioni sempre più corrette e chiare per guidarli nelle scelte nutrizionali quotidiane. In pratica, ognuno dovrebbe avere la possibilità di acquisire prima possibile un'educazione nutrizionale nel rispetto della propria salute, senza trascurare i principi fondamentali della preziosa tradizione culturale e alimentare italiana.
(da Help consumatori)

martedì 5 giugno 2007

Open Medicine

Ho scoperto quasi casualmente questo sito o meglio questa rivista on line, peer reviewed,open e ricca mi sembra di contenuti interessanti. Il comitato editoriale è in gran parte Canadese e allegato al sito c'è anche un interessante blog.
Il link, da tenere tra i preferiti, sul titolo del post.

E questo è l'impegnativo manifesto del primo numero:

"The mission of Open Medicine is to facilitate the equitable dissemination of high-quality health research; to promote international dialogue and collaboration on health issues; to improve clinical practice; and to expand and deepen the understanding of health and health care."

lunedì 4 giugno 2007

Merrill e Beck: My favorite things



Ho recentemente riascoltato "My favorite things" nella celeberrima interpretazione di Coltrane e mi sono messo alla ricerca in rete di una versione vocale del song di Rodgers. Credo che questa sia una delle migliori, sia perchà la Merrill è una cantante straordinaria sia perchè Gordon Beck è un pianista strepitoso di cui si parla poco. Il suo accompagnamento è tambureggiante ma estremamente rispettoso degli spazi vocali, moderno nelle scelte armoniche e tecnicamente ineccepibile.
Il link è stavolta sul titolo.
Buon divertimento !

venerdì 1 giugno 2007

Soia e ipertensione



Effect of Soy Nuts on Blood Pressure and Lipid Levels in Hypertensive, Prehypertensive, and Normotensive Postmenopausal Women
Francine K. Welty, MD, PhD; Karen S. Lee, MD; Natalie S. Lew, BA; Jin-Rong Zhou, PhD
Arch Intern Med. 2007;167:1060-1067.

Uno studio pubblicato su Archives of Internal Medicine evidenzierebbe un piccolo ma sostanziale contributo al controllo della pressione in donne in età postmenopausale. L'inclusione nella dieta di 25 gr di soia ha portato ad una riduzione (rispetto al gruppo di controllo) del 5,2% della PA sistolica e del 2,9% della diastolica in donne normotese. Curiosamente la soia ha ridotto del 11% i valori di LDL in donne ipertese ma non in quello normotese.
Un incoraggiamento ad un approccio terapeutico differenziato.


Study Finds Soy Nuts Lower Blood Pressure
Soy nuts may reduce blood pressure in postmenopausal women, a small study published in the Archives of Internal Medicine concludes.

The randomized crossover study included 60 women. It investigated the effects of including unsalted soy nuts containing 25 g of soy protein in the National Cholesterol Education Program's Therapeutic Lifestyle Changes diet.

Compared with a diet without the nuts, adding soy nuts lowered systolic BP 9.9% and diastolic BP 6.8% in hypertensive women. The decline was a more modest 5.2% systolic and 2.9% diastolic in normotensive women.

The diet with nuts also lowered LDL 11% and apolipoprotein B 8% in hypertensive women but had no effect on these measures in normotensive women.

The authors said dietary soy "may be a practical, safe and inexpensive modality to reduce BP." They characterize the effects as being "comparable with those seen with antihypertensive drugs."

giovedì 31 maggio 2007

Johnny Hartmann



Con questo video voglio ricordare un grande dimenticato, un vocalist strepitoso, che incise, tra l'altro, con Coltrane un disco stupendo. Godetevi la sua voce da baritono, il suo sound delicato, lo swing sommesso ma preciso. Johnny Hartmann.

mercoledì 30 maggio 2007

I FANS (antiinfiammatori non steroidei) possono prevenire il decadimento cognitivo o la Malattia di Alzheimer ?

A questa impegnativa domanda si è cercato di rispondere con uno studio pubblicato sull'ultimo numero di Neurology.(ADAPT Research Group. Neurology 2007 May 22; 68:1800-8)
I dati disponibili in letteratura hanno in più occasioni evidenziato la scarsa risposta dei FANS e dell'aspirina sulla progressione dell'Alzheimer (vedi un precedente post). Ma anche la possibilità di prevenire la malattia sembra non riservare spazio all'ottimismo. Lo studio ADAPT ha arruolato circa 2000 soggetti con più di 70 anni senza evidenza di deficit cognitivo ma con almeno un parente di I° grado affetto da demenza di tipo ALzheimer. Ai partecipanti allo studio è stato somministrato o Naprossene o Celecoxib o placebo.
I risultati finali non hanno evidenziato nessun miglioramento nel gruppo trattato rispetto al placebo anzi il dato generale era di un lieve peggioramento che però necessita, secondo gli autori, di ulteriori studi per essere confermato.


Can NSAIDs Prevent Alzheimer Disease?
Neither celecoxib nor naproxen prevented AD or mild cognitive impairment.

Although inflammation plays a role in the pathogenesis of Alzheimer disease
(AD), nonsteroidal anti-inflammatory drugs (NSAIDs) have not slowed the
progression of early AD in several clinical trials (Journal Watch Feb 6
2004 and Journal Watch Jun 27 2003). But can NSAIDs prevent or delay the
development of AD?

The ADAPT trial included people aged 70 or older who had no evidence of
dementia or cognitive impairment, but had at least one first-degree
relative with Alzheimer-like dementia. Participants were randomized to
receive celecoxib (200 mg twice daily), naproxen (220 mg twice daily), or
placebo. The trial was terminated in December 2004 when another study
reported increased cardiovascular risk with celecoxib. At that point, 2528
people had been enrolled in ADAPT, and median follow-up was about 2 years
(the original intent was 7 years of follow-up).

According to standardized cognitive testing and further evaluation of
subjects with abnormal test results, neither celecoxib nor naproxen
prevented AD or mild cognitive impairment. In fact, the annual risk for AD
was higher in the celecoxib and naproxen groups (about 1%) than in the
placebo group (about 0.5%), a difference that approached statistical
significance.

Comment: In this halted study, neither celecoxib nor naproxen prevented
Alzheimer disease, and there was a hint of harm. It remains possible that
NSAIDs could prevent some cases of AD if started many years before disease
onset, but a trial would have to be very large and protracted to address
this possibility.

lunedì 28 maggio 2007

Evidence based Medicine: alternative



La Medicina basata sull'evidenza (evidence based Medicine) ha alternative ? A questa domanda hanno ironicamente risposto alcuni anni fa sul BMJ David Isaacs e Dominic Fitzgerald elencando queste categorie. Ringrazio Francesco Macrì da cui riprendo questo topic dalla newsletter Omeopatia 33.

Medicina Basata sulla Eminenza, che consiste nel far riferimento al parere di colleghi insigni;
Medicina Basata sulla Veemenza, che induce a seguire i pareri sostenuti con più clamore;
Medicina Basata sulla Eloquenza, per la quale il consenso va a chi sa presentarsi con eleganza ed eloquenza;
Medicina Basata sulla Provvidenza, che porta ad atteggiamenti di fiducia religiosa su quanto avverrà;
Medicina Basata sulla Diffidenza, in cui l'atteggiamento del medico è quello del non intervento per mancanza di fiducia;
Medicina Basata sulla Tensione, in base alla quale si ricorre eccessivamente ad esami e a terapie nel timore di essere contestati;
Medicina Basata sulla Confidenza, tipica dei chirurghi convinti della propria bravura.

Colleghi anonimi lettori di questo blog, vi riconoscete in qualche categoria o ne potreste indicare altre ?