martedì 6 febbraio 2007

Cannonball


 
Ho ascoltato per la prima volta attentamente "Sophisticated swing" una incisione del 1957 del quintetto di Cannonbal Adderley. Mi viene
in mente una riflessione a caldo:

Quanti hanno avuto un blues feeling come il sassofonista di Tampa ?

Nei suoi assoli del periodo con Davis siamo,secondo me, poco sotto Parker,
in Kind of blue molto poco. Credo che questa mia considerazione sia anche
avvalorata da questa citazione che ho trovato su Wikipedia:

" Julian univa al suono del gruppo (di Davis) una componente marcatamente meridionale e blues abbastanza diversa dal sound bop di molti altosassofonisti di un'epoca ancora dominata dall' influenza di Charlie Parker. Dopo alcuni problemi di adattamento musicale all'inizio ("Cannoball capiva il blues e quando noi suonavamo il blues non ci si ritrovava e questo lo faceva incazzare. Avevamo cambiato tante di quelle cose in quelle dodici battute." - Miles Davis, L'Autobiografia con Quincy Troupe) Cannonball divenne parte integrante di quello che era a tutti gli effetti il supergruppo jazz dell'epoca. Con il sestetto, Julian partecipò a due fondamentali incisioni: Milestones e Kind of Blue. Il suo assolo su "So What" rappresenta un classico ed una pietra miliare del genere". Quindi Cannoball aveva il blues "dentro".

Due curiosità:
- Il nomignolo Cannonball (palla di cannone) è una versione storpiata del soprannome infantile cannibal (cannibale), che avevano affibbiato ad Adderley a causa della sua mole e del suo appetito.
- Uno dei fondatori dei Rolling Stones, Brian Jones, chiamò suo figlio Julian in onore di Cannonball.

Il bel sito ufficiale dedicato a Cannonball:
http://www.cannonball-adderley.com/

Nessun commento: