giovedì 8 febbraio 2007

Musica e Medicina insieme ad alto livello



L'austero signore della foto è Christian Albert Theodor Billroth (26 agosto 1829 Bergen auf Rügen, Germania; 6 febbraio 1894 a Abbazia, Austria-Ungheria, ora Croazia),uno dei maggiori chirurghi del secolo scorso. Pioniere della chirurgia addominale ha legato il proprio nome ad un intervento di chirurgia gastrica praticato da allora in tutto il mondo.

Cito in parte da Wikipedia:

"Studente piuttosto svogliato e mediocre ebbe viceversa una grande passione per la musica che cominciò a studiare da piccolo diventando un virtuoso del pianoforte, del violino e del violoncello. Anche come studente universitario della facoltà di medicina e chirurgia non brillò particolarmente salvo a sviluppare una grande capacità in alcuni settori come quello della Chirurgia.

Laureatosi nel 1852 ebbe la possibilità di frequentare dal 1853 al 1860 la Charité, Ospedale universitario di Berlino. Dopo una parentesi di alcuni anni in cui ricoprì la cattedra di chirurgia presso l'Università di Zurigo, nel 1867 si trasferì a Vienna come Chirurgo Capo della II Clinica Chirurgica dell'Ospedale Generale di Vienna e Professore di Chirurgia dell'Università. Billroth è considerato un caposcuola in molti settori della chirurgia e a lui si deve la prima esofagectomia nel 1871 e la prima laringectomia nel 1873. Affrontò con grande impegno e con l'aiuto dei suoi collaboratori anche il problema della chirurgia gastrica per cancro, a quei tempi particolarmente frequente." Ideò e perfezionò un intervento di resezione gastrica divenuto da allora lo standard per il trattamento delle patologie delle stomaco non suscettibili di terapia medica.

In campo musicale la sua innata capacità lo portò ad avere successo come solista di violino e violoncello, avendo anche la possibiltà di dirigere in alcune occasioni, a Zurigo, una orchestra sinfonica. Celebre la sua amicizia con Johannes Brahms che gli dedicherà nel 1890 i quartetti per archi op. 51. Fu un grande ammiratore di Giuseppe Verdi.


 

Nessun commento: