mercoledì 18 aprile 2007

E Art Tatum ?



Recentemente due bellissimi blog , Jazzer e Stelle Cadenti , hanno lanciato (o rilanciato) il gioco personale ma sempre intrigante della classifica dei dischi da non mancare. Osservando le liste vi sono sia veri capolavori che bellissimi dischi frutto legittimo di scelte personali, proprie del gioco. Anche io nella sidebar del mio blog ho indicato una mia personale lista di 10 dischi (ancora più difficile Jazzer !) buttata giù in pochi minuti evitando gli inevitabili ripensamenti. Rivedendola oggi forse modificherei 1 o 2 titoli ma è soprattutto una cosa che mi fa riflettere e che lancio a voi come spunto di discussione. In tutte e tre le liste sono presenti molti pianisti. Ma in tutte e tre manca Art Tatum. E' una scelta di gusto precisa o il grande pianista di Toledo sta scivolando nel dimenticatoio ? Per quanto mi riguarda posso dire che i "Solo Masterpieces" incisi per la Pablo contengono a mio parere una quantità di gemme musicali difficilmente trovabili altrove. Musica forse troppo pianistica o troppo difficile ? Modifico la mia lista.
Che ne pensate ?
Godetevi comunque questo lunare "Yesterday".

5 commenti:

Jazzer ha detto...

Eh no! Art Tatum è stato un grande e ha dato un contributo al jazz fondamentale. Purtroppo credo che la - ovvia - scarsa qualità (tecnica intendo) delle sue incisioni lo abbia penalizzato. Non credo che la sua sia musica troppo difficile; forse il dilagante "billevansismo" della gran parte dei pianisti moderni ha penalizzato un certo modo di approcciarsi al piano, anche se sono in molti che ancora citano - più o meno apertamente - Tatum (mi viene in mente il giovane Claudio Filippini).
Passato di "moda"? Sì, costa ammetterlo, ma credo sia proprio così.
Hai fatto bene ad inserirlo nella lista; io manco ci provo a scegliere solo 10 dischi, anche se in tal caso userei esclusivamente un criterio personale.

Non conosco quel disco che hai citato, ma vedo di recuperarlo. Io di Tatum apprezzo moltissimo "Piano starts here": una decina di pezzi in solitaria uscito per la Columbia.

John Lester ha detto...

Nice blog!

Shakib ha detto...

Anni fa, durante un viaggio a londra , ho comprato un stupendo doppio CD di Art Tatum che si chiama "20th Century Genius" (della Verve) che documenta alcune esibizioni casalinghe di Art Tatum. A dire il vero ho comprato il disco in totale ignoranza, ma lo suonavano in sottofondo in un negozio di dischi ed era magico. Dovrebbe essere la sotto tutti gli altri CD ammucchiati. Sai che non mi ricordavo più neanche di averlo? Quel disco che dici tu non è per caso un cofanetto di 7/8 CD?

RoVino ha detto...

Sono d'accordo con jazzer, anche se ritengo che Tatum non è certamente il solo ad essere passato di moda. Non ho guardato le vostre liste e non sarei in grado di farne una, sono troppe le meraviglie musicali per selezionarne 10. Ma visto che parliamo di pianisti, l'avete messo Tristano?

Amedeo ha detto...

Mi fa piacere che Tatum abbia risvegliato il vostro interesse; le registrazioni che cito sono senza dubbio un cofanetto, non so di quanti dischi. Furono commissionati da Norman Granz a Tatum come sorta di monumento ai song della tradizione musicale americana.Per Tristano, beh è curioso, è forse l'unico che definì Tatum un pianista da cocktail !
Grazie a tutti